Primo piano

900 tonnellate di rifiuti tossici provenienti dalla Campania. Sequestro a Vicenza

Sospetta gestione camorra, trovati in capannone in disuso

Scoperto dalla guardia di Finanza di Vicenza nella provincia berica un magazzino carico di rifiuti speciali gestiti quasi sicuramente dalla camorra. In un capannone in disuso di 3 mila metri quadrati nell’area industriale di Asigliano Veneto, i militari delle Fiamme Gialle di Noventa Vicentina hanno trovato 600 balle rilegate da filo di ferro ammassate fino a completa saturazione della volumetria dello stabile, costituite, essenzialmente, da materiale plastico, tessile e da rifiuti solidi urbani per un peso complessivo stimato in circa 900 tonnellate.
I rilievi sono stati svolti anche con il supporto dell’Arpav di Vicenza ed è emerso che i rifiuti provenivano dalla Campania e più precisamente dalle zone di Napoli e Caserta.
L’intero sito industriale è stato posto sotto sequestro. Il proprietario del capannone è un noto istituto bancario di livello nazionale.

Articoli correlati

Napoli: “stesa” nella notte al rione Traiano

Redazione StudioLive24

Massimiliano Allegri cancella i suoi profili social

Redazione StudioLive24

Rifiuti: De Luca, quarta linea termovalorizzatore di Acerra. A settembre lo stop

Redazione StudioLive24

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy