Eventi

Al Digital Media Fest di Janet De Nardis, in versione online, vince la creatività

L’edizione 2020 del Digital Media Fest, il festival creato e diretto da Janet De Nardis, si è svolta online dal 30 Novembre al 2 Dicembre. Oltre 100mila visualizzazioni, mentre le visualizzazioni sui social hanno raggiunto le 50.000 persone questo il risultato delle tre giornate di festival trasmesse in streaming su www.digitalmediafest.it. Dalle 11:00 di mercoledì 30 novembre alle 21:30 del 2 dicembre un flusso di contenuti tra opere in concorso, webinar e workshop ha coinvolto l’attenzione di migliaia di persone. In questa edizione dove in tutta Italia molti dei festival dal vivo sono stati obbligati a saltare un’edizione, il Digital Media Fest in una versione “atipica”, traccia un bilancio molto positivo dimostrando che la creatività sul web è il futuro dell’audiovisivo.
Contro gli imprevisti legati alle nuove misure per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid-19, i tanti talenti del web, filmmakers, creators e registi hanno seguito con attenzione il programma del Festival. Non sono mancati gli incontri con le webstar più amate della rete, da Lea Cuccaroni, Angelica Massera, Titina Maroncelli, i PanPers, Filippo Caccamo, i The Cerebros e le CosìFanTutte. Il pubblico ha apprezzato gli incontri di “formazione” che hanno contraddistinto quest’edizione. Si sono tenuti due workshop, uno sull’importanza della scrittura nella nostra società: dalla televisione al web, dal teatro alla radio con: Antonio Giuliani, Riccardo Milanesi, Jimmy Ingrassia e Daniele Orecchio. L’altro workshop ha visto Lorenzo Renzulli Digital Strategist, autore, formatore, Co-fondatore e CMO della Startup innovativa OASIS spiegare le regole per creare e distribuire al meglio i prodotti audiovisivi. E’ stata particolarmente apprezzata la presentazione di “Obiettivo Economia” (sui temi dell’educazione finanziaria) che vede la partecipazione di personaggi come Leonardo Bocci , Angelica Massera, Fabian Grutt, Marco Passiglia, Luis Molteni e Luca di Giovanni. Infine “Burnout”, un progetto per conoscere il potere della tecnologia e per restarne padroni e non schiavi, per combattere il fenomeno della dipendenza da internet. La serata finale, ideata da Janet De Nardis, in una formula innovativa e divertente, ha ricevuto numerosi complimenti, tanto da rendere l’evento, nonostante la pandemia il più cliccato e condiviso. Presentato dalla De Nardis e Savino Zaba, con l’incursione di Laverne Daley, direttamente dal Miami web fest, ha visto la partecipazione di due comici d’eccezione: da Roberto Ciufoli ad Annalisa Aglioti. Anche Elena Sofia Ricci è intervenuta nella serata finale con un videomessaggio per ribadire l’importanza dei festival dal vivo e complimentarsi per la qualità delle opere che hanno partecipato al concorso. L’evento di premiazione è stato realizzato nella splendida location dell’Hotel Locarno di Roma. La giuria che ha votato le webserie vincitrici è composta da: Elena Sofia Ricci (attrice), Massimiliano Bruno (Sceneggiatore, Attore, Regista), Antonio Flamini (Consulente e Direttore Artistico di Festival Cinematografici), Cristina Priarone ( Direttore di Roma Lazio Film Commission), Roberto Ciufoli (attore), Gianluca Guzzo (Amministratore Delegato Mymovies), Marco Bonini (Attore, sceneggiatore e scrittore) e Stefano De Sando (doppiatore), Vincenzo Alfieri (attore, regista).
Questi i premi assegnati:- Best Italian Webserie – VITERBIUM – LA CACCIA AL TESORO a cui è stato assegnato il Panalight Award – il premio offerto da PANALIGHT di un valore di 5.000,00 € in noleggio di attrezzature

– Best International Webserie – AMAZING GRACE SERIES 2
– Wiko Award – AMAZING GRACE SERIES 2 che vince il premio messo in palio da WIKO che consiste in un device di ultima generazione
– Best Director – Mark Lorei HAUS KUMMERVELDT
– Best Cinematography – VITERBIUM – LA CACCIA AL TESORO
– Best Pilot – WAY BACK HOME
– Best Original Idea – DISCOCALYPSE
– Best Comedy – GUAI A DOMICILIO
– Best Drama – AMAZING GRACE SERIES 2
– Best social-oriented movie – Un Lupo al Museo
– Best Soundtrack – Guillaume Wilmot THE GLIWENSBOURG CHRONICLES
– Best Costume Design – Nathalie Ven THE GLIWENSBOURG CHRONICLES
– Best Screenplay – ET PUIS AMÉLIE EST PARTI
– Best Actor – Michael Knoefler DISCOCALYPSE
– Best Actress – Marie-Eve Milot ET PUIS AMÉLIE EST PARTI
– Best Supporting Actress – Florencia Fernández MIGRANT STORIES
– Best Supporting Actor – Michael Goldberg HAUS KUMMERVELDT

Tra i vertical video i vincitori sono:
– Best Original Idea – Black Tank che vince il Wiko Award consistente in un device di ultima generazione
– Best Vertical Video – Vertigini che vince lo StadionVideo Award consistente in sottotitoli in inglese con relativo DCP
La giuria che ha votato i cortometraggi vincitori è composta da: Paola Minaccioni (attrice), Andrea Roncato (attore), Eleonora Ivone (attrice, regista), Antonio Giuliani (Attore), Adriano De Santis (Direttore Centro Sperimentale di Cinematografia CSC) Mauro Di Donato (Docente del Corso di Laurea: “Letteratura, Musica e Spettacolo), Andrea Minuz (Docente del Corso di Laurea: “Letteratura, Musica e Spettacolo), Young Man Kang (Direttore del Seoul Web Fest), Riccardo Di Pasquale (Produttore e Ceo Fenix Entertainment),
– Best Short Film – MILLE SCUDI vincitore del Panalight Award per un valore di 5.000,00 € in noleggio di attrezzature.
– Best Original Idea – Happy Birthday
– Best Director – Serena Corvaglia MILLE SCUDI
– Best Screenplay – Michele Granata – SERVI DI BICICLETTE vincitore dello StadionVideo Award consistente in sottotitoli in inglese con relativo DCP
– Best Cinematography – Edoardo Emanuele MILLE SCUDI
– Best Costume Design – Andrea Sorrentino HAPPY BIRTHDAY
– Best Soundtrack – Enrica Sciandrone FLYING HANDS
– Best Actor – Francesco De Simone SERVI DI BICICLETTE
– Best Actress – Arianna Di Stefano FACEBOOM
– Best Supporting Actor – Pierluigi Gigante #PICOFTHEDAY
– Best Supporting Actress – Giorgia Wurth Sansone
Premi speciali:
– Digital Media Fest Asia Production Award – Lover of the palace
– Best Creative Web Serie – Doppiattori
– Best Creative Short Film – La spada di gomma
LA GIURIA TECNICA composta da professionisti del settore e giornalisti ha visto: Michelle Marie Castiello (CEO Radio Rid 96.8), Mariella Anziano (Giornalista), Lorella Ridenti (Direttore Ora Settimanale, Lei Style, Voi ), Sergio Fabi (giornalista), Giampaolo Colletti (giornalista), Sara Angioni (Social Media Specialist South of Europe Wiko Mobile), Roberto Grassi (CEO Stadion Video). La giuria ha assegnato i seguenti premi:
– Critics Award –alla webserie “WE ARE AT WAR”
– Critics Award – al cortometraggio “Happy Birthday”

Le webserie che andranno di diritto alle finali dei webfest partner del Digital Media Fest sono:
– Al Rio Webfest andrà Vita che vince anche il My Movies award che consiste nello sviluppo di una vetrina online
– Al Seoul Webfest andrà Way Back Home
– Al Bogotà Webfest andrà Un Lupo al museo
– Al Die Seriale andrà Viterbium
– All’Asia Web Awards andrà Quarantenati
– Al Montreal Digital Webfest Andrà Viterbium
Il Digital Media Fest gode anche quest’anno del patrocinio MIBACT e dell’alto patrocinio del Parlamento Europeo; tra gli altri patrocini Roma Lazio Film Commission e il Nuovo Imaie.

Articoli correlati

Digital Media Fest 2021, ecco il nuovo bando

Tommaso Martinelli

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy