Cibo e Sapori

Coronavirus, Confagricoltura: Riso (33%) e pasta (25%) i più acquistati

I cibi maggiormente acquistati dagli italiani durante la crisi del coronavirus sono quelli a lunga scadenza facilmente conservabili, come riso (+33%), pasta (25%), scatolame (+29%), derivati del pomodoro (+22%), sughi e salse (+19%).

E’ quanto emerge dal primo rapporto del centro studi di Confagricoltura dopo lo scoppio della pandemia di Covid-19. “Complessivamente i consumatori – spiega Confagricoltura – hanno effettuato acquisti di alimenti a lunga conservazione a discapito dei prodotti freschi facilmente deperibili. Le industrie conserviere hanno dovuto modificare il proprio programma di consegne della merce, aumentando del 30% le vendite nel mese di febbraio e del 100% nel mese di marzo. Le scorte alimentari acquistate in questo periodo saranno consumate nei prossimi mesi, portando gli indici degli acquisti a diminuire tendenzialmente nei mesi di aprile e maggio 2020, rispetto agli stessi mesi del 2019”.

 

Articoli correlati

Coronavirus, Gianluca Mech: “Riempite i carrelli dei supermercati di arance e limoni, non di pasta e biscotti”

Redazione StudioLive24

Coronavirus: 7 nuovi casi. Riconducibili a focolaio Lombardia

Redazione StudioLive24

Coronavirus: nel mondo più di un milione di contagi

Redazione StudioLive24

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy