Attualità Primo piano

De Luca chiude i parchi. “E ora l’esercito”

Scrive a Palazzo Chigi per chiedere di schierare l’esercito nelle strade allo scopo di bloccare chi non rispetta il divieto di «assembramenti e mobilità ingiustificata» .
 
Chiude parchi e ville comunali. Limita le consegne a domicilio ai soli «prodotti confezionati» e da parte di «personale protetto» . Dimezza il trasporto pubblico locale. È un Vincenzo De Luca in versione sempre più ” decisionista”, quello che sta affrontando l’ emergenza coronavirus a colpi di provvedimenti anche più rigidi delle disposizioni del governo centrale.
 
Palazzo Santa Lucia è preoccupata per il «rischio di contagio ormai gravissimo sull’intero territorio regionale» , come è scritto nero su bianco nelle ordinanze diramate in queste ore. Da qui la necessità di disporre « misure urgenti » che consentano di « assicurare i servizi essenziali evitando mobilità ingiustificata».
 
Ieri il governatore ha inviato una lettera al premier Giuseppe Conte, ai ministri della Difesa e dell’Interno e al capo della protezione civile per chiedere «un impegno straordinario delle forze dell’ordine e dell’esercito», ritenuti «indispensabili» per assicurare « controlli capillari » sui divieti introdotti in queste ore.
 
Parchi urbani e ville comunali, dovranno restare chiusi. Supermercati e gli altri esercizi di vendita di prima necessità potranno effettuare consegne a domicilio unicamente di prodotti confezionati e attraverso personale dotato dei mezzi di protezione. Restano consentite, ma solo adottando le precauzioni, l’ assistenza agli indigenti da parte degli enti del terzo settore e le attività di volontariato che prevedono aiuto alimentare e farmaceutico ai più deboli. Al tempo del coronavirus, almeno la solidarietà non si ferma.
 
Anche i trasporti sono stati ridotti al 50%, con « massima attenzione al rispetto delle fasce pendolari ed ai collegamenti con le periferie » .

Articoli correlati

“Etica, Sport e Inclusione”, protocollo d’intesa tra Comune e Nunziatella

Redazione StudioLive24

Napoli – Sedici lavoratori in nero: 8 imprenditori denunciati

Redazione StudioLive24

Napoli: morto 15enne colpito da proiettile in testa. I parenti devastano l’ospedale

Redazione StudioLive24

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy