Spettacolo

Cinema: 17 anni fa l’addio ad Alberto Sordi

Una città che si blocca, improvvisamente. E piange uno dei suoi più grandi rappresentanti. E con lei, un paese intero. È il 24 febbraio del 2003 quando Roma si risveglia più triste, la notizia della morte di Alberto Sordi è ormai di dominio pubblico, in un periodo in cui i social network non erano ancora nati, ma sono radio, tg e soprattutto i passaparola a fare da cassa di risonanza.

In quei giorni una città intera gli rese omaggio, nel vero senso della parola: circa 250mila persone si recarono in Campidoglio per salutarlo, mentre un milione di romani riempi’ piazza San Giovanni per il funerale. Diciassette anni dopo il ricordo di Sordi è  più vivo che mai. Straordinario protagonista di capolavori come ‘Il Marchese del Grillo’, ‘Il Tassinaro’, ‘Un Americano a Roma’, Sordi è ancora amatissimo dal suo pubblico. Che avrà la possibilità di poterlo ammirare ancora una volta, l’ ennesima, in tv e non solo. La sua storica abitazione, in via Druso 45, a due passi dal Circo Massimo diventerà infatti il ‘Museo Alberto Sordi’, in occasione del centenario dell’attore.

Sordi, infatti, era nato a Roma il 15 giugno del 1920: la mostra sarà aperta dal 7 marzo al 20 giugno del 2020. In tv, invece, a celebrarlo sarà  il film di Luca Manfredi ‘Permette? Alberto Sordi’, con protagonista Edoardo Pesce. Dopo un’ anteprima al cinema per tre giorni, 24, 25 e 26 febbraio, sara’ trasmesso su Rai1 ad aprile.

Articoli correlati

Tangenti sul nuovo stadio della Roma: arrestato Marcello De Vito. Morra: “Fatti gravissimi”

Redazione StudioLive24

Manuel Bortuzzo, i due sospettati confessano: “Sparato per errore”

Redazione StudioLive24

Calcio: Brasile; Roma ha preso difensore giovanili Santos

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy