Politica Primo piano

Letta propone voto ai 16enni: sì da Conte, Di Maio e Zingaretti

Voto a 16 anni, sì di Conte, Di Maio e Zingaretti 

Sul voto ai 16enni si sta formando un fronte ampio, che supera i confini di maggioranza e opposizione. Almeno sulla carta. A rilanciare il tema è l’ex premier, Enrico Letta, proponendo “una riforma costituzionale da fare in un anno”, tutti insieme: Pd, M5S, Leu e Italia Viva.

“L’avevo già avanzata due anni fa – spiega in un’intervista -. Adesso dico che è urgente, e che con questa maggioranza si può fare”. Letta prende spunto dalla enorme mobilitazione di massa dei Fridays for future, ma il suo obiettivo è non disperdere quella voglia di impegno civile che le nuove generazioni stanno dimostrando: “È un modo per dire a quei giovani che abbiamo fotografato nelle piazze, lodando i loro slogan e il loro entusiasmo: vi prendiamo sul serio”.

Il primo a raccogliere l’invito è Luigi Di Maio. “Il voto ai sedicenni è una proposta che portiamo avanti da sempre e che sosteniamo con forza”, spiega il capo politico del M5S. “I giovani in Italia vengono definiti, a seconda del momento, choosy, viziati, ‘gretini’: per noi questi vanno rispettati, ascoltati e messi al centro della nostra politica. Sono una risorsa preziosa e sono il futuro di un’Italia che si informa, che partecipa e che deve essere valorizzata sempre di più”, insiste il ministro degli Esteri.

A ruota arriva il parere favorevole anche del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che prende spunto dall’esperienza di altri Paesi: “Negli ordinamenti giuridici si mette una convenzione anagrafica. Per me abbassarla a 16 anni ci sta benissimo, in altri ordinamenti è così”. Il premier, però, lancia la palla alla politica attiva, perché la riflessione “forse sarebbe più utile che la si facesse in sede parlamentare”.

Nelle aule di Camera e Senato troverà terreno fertile nel Pd. “Sono da sempre favorevole al voto ai sedicenni“, dice il segretario, Nicola Zingaretti, che loda le parole di Enrico Letta: “La passione civile di tante ragazze e tanti ragazzi che incontro tutti i giorni rafforzano questa idea. Ora è tempo”.

Tra i dem, però, c’è chi, come la deputata Giuditta Pini, vorrebbe che ai ‘minori emancipati’ fosse concesso anche il diritto ad essere eletti, non solo ad eleggere. Quello del voto ai sedicenni è un tema su si erano spesi anche Matteo Salvini – rilanciandolo venerdì scorso -, ma anche Matteo Renzi ai tempi delle prime Leopolde. Per dirla con le parole di Letta, “tanti hanno approvato e si sono espressi Conte, Di Maio e Zingaretti. Ora non ci sono alibi”. La strada è aperta.

Articoli correlati

Dazi Usa, colpo al made in Italy: 25% su pecorino e parmigiano

Redazione StudioLive24

Nave Diciotti, oggi voto online M5S su Salvini

Redazione StudioLive24

I 5Stelle chiudono a Salvini: “Inaffidabile e senza credibilità”.

Redazione StudioLive24

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy