Politica Primo piano

Pd: l’addio di Renzi, tra le polemiche nasce “Italia Viva”

L’addio di Renzi al Pd ufficializzato ieri con la nascita del nuovo soggetto ‘Italia viva’ agita la politica. I parlamentari che lo seguiranno dovrebbero essere più di 40, ma restano nei dem renziani doc come Lotti. Conte esprime “perplessità” per la “singolare scelta dei tempi”. Zingaretti lo definisce “un errore”.

All’indomani dell’addio di Renzi al Pd, il segretario dem Zingaretti ammette con il Corriere che un po’ se l’aspettava, “per l’atteggiamento di vicinanza ma non partecipazione alla vita del partito che non ho mai compreso fino in fondo”. Si augura che la scissione non destabilizzi il governo, per quanto il rischio c’è, e guarda ad una riforma del partito: con il governo, la svolta che riaccenda l’economia e promuova la rivoluzione verde. E poi “non commettere l’errore di chiudersi nella dimensione del governo”, ma tornare a immergersi nella società e a organizzarsi in forme nuove.

“Nessuna sorpresa” invece per Di Maio. “Cosa non si fa per salvare la poltrona…”, commenta Salvini.

Articoli correlati

Tav, Zingaretti:”Se il Governo cade penso si andrà a elezioni”

Conte: “Non ci saranno conseguenze su governo da voto in Sardegna”

Redazione StudioLive24

Crisi Governo, Mattarella detta i tempi. Martedì nuove consultazioni.

Redazione StudioLive24

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy