Primo piano

Crisi governo: il discorso al #Senato di Matteo Salvini: DIRETTA Salvini, “rifarei tutto quello che ho fatto”

“L’8 agosto Salvini ha diramato una nota con cui si diceva che la Lega poneva fine alla sua esperienza e voleva le urne. Ha quindi chiesto la calendarizzazione di comunicazioni. Oggetto grave che comporta conseguenze gravi”. Lo afferma il premier, Giuseppe Conte, intervenendo nell’Aula del Senato.

Conte, “non posso permettere crisi per mezzo social”

Questo passaggio “merita di essere chiarito in un pubblico dibattito che consenta trasparenza e assunzione di responsabilità da parte di tutti i protagonisti della crisi. Io ho garantito che questa sarebbe stata un’esperienza di governo all’insegna della trasparenza e del cambiamento e non posso permettere che questo passaggio possa consumarsi a mezzo di conciliaboli riservati, comunicazioni rilasciate sui social o per strada”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte nel corso delle comunicazioni al Senato.

Conte, “interessi parte compromettono interesse Italia”

“Ogni partito e’ chiamato ad operare una mediazione tra gli interessi di parte e quelli generali, quando ci si concentra solo su interessi di parte non si tradisce solo la nobilta’ della politica ma si compromette l’interesse nazionale”.Lo afferma il premier Conte.

Conte, “da Salvini grave carenza cultura costituzionale”

“I comportamenti adottati in questi ultimi giorni dal ministro dell’interno rivelano scarsa responsabilità  istituzionale e grave carenza di cultura costituzionale. Mi assumo la responsabilità di quello che dico”.
Lo ha detto il premier Giuseppe Conte al Senato.

 Conte, su piazze e poteri concezione Salvini preoccupa 

“Il Paese ha urgente bisogno che siano completate le misure per favorire la crescita economica e gli investimenti. Abbiamo predisposto vari strumenti che con questa incertezza rischia di non essere valorizzati. Caro ministro dell’Interno, promuovendo questa crisi di governo ti sei assunto una grande responsabilità di fronte al Paese. Ti ho sentito chiedere “pieni poteri” e invocare le piazze a tuo sostegno, questa tua concezione mi preoccupa”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte nel corso delle comunicazioni al Senato.

Governo:Pd e M5S applaudono insieme su preoccupazione piazze

L’applauso dei senatori M5S si e’ aggiunto a quello dei senatori del Pd e di Leu quando il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha detto di essere preoccupato dall’appello alle piazze di Matteo Salvini. Il leader della Lega tiene la testa china su un foglio su cui verga copiosi appunti. 

Conte a Salvini, “incosciente uso di simboli religiosi”

“Chi ha compiti di responsabilità dovrebbe evitare di accostare agli slogan politici i simboli religiosi. Sono episodi di incoscienza religiosa che rischiano di offendere il sentimento dei credenti e di oscurare il principio di laicità alla base dello Stato moderno”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte nel corso delle comunicazioni al Senato.

Conte, “azione di governo qui si arresta”

 “La crisi in atto compromette l’azione di questo governo che qui si arresta”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte nel suo intervento in Senato.

Governo: Casellati, basta tifoserie, ascoltiamo Conte

“Vorrei ascoltare il presidente del Consiglio senza assistere a delle tifoserie”. Cosi’ la presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati richiama i senatori di Lega e M5S che punteggiano con applausi e contestazioni il discorso del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nella parte in cui manifesta critiche a Matteo Salvini sulla vicenda russa. Salvini gesticola come a far capire che Conte esageri, prende appunti, guarda i suoi e abbassa gli occhi. 

Conte, “ogni giovane che parte e’ sconfitta Paese”

 “Ogni giovane che parte non ritorna e’ sconfitta a nostro Paese. E’ necessario orientare tutto il sistema formativa verso l’innovazione”. Lo afferma il premier, Giuseppe Conte, intervenendo nell’Aula del Senato.

Conte, “a crisi Ue non si risponde con sovranismo distruttivo”

“Sull’Europa occorre un rinnovato slancio di responsabilita’. Il comune edificio europeo sta attraversando una fase critica alla quale non si puo’ rispondere con un europeismo fideistico ma nemmeno con uno scetticismo disintegratore con un ritorno a sovranita’ nazionali chiuse e conflittuali”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte nel corso delle comunicazioni al Senato.

Conte, al Colle per dimissioni

“Alla fine di questo dibattito mi recherò dal Presidente della Repubblica per dimettermi”. Lo afferma il premier, Giuseppe Conte, intervenendo nell’Aula del Senato.

Governo: Pd-Leu-Fdi applaudono Conte a annuncio stop

Solo Pd, Leu ed Fdi applaudono quando Giuseppe Conte annuncia la fine della sua esperienza di governo.

Crisi governo: il discorso al Senato di Matteo Salvini: DIRETTA

Salvini, “rifarei tutto quello che ho fatto”

“Grazie e finalmente: rifarei tutto quello che ho fatto”. Lo afferma il vicepremier, Matteo Salvini, intervenendo nell’Aula del Senato. “Non ho paura del giudizio degli italiani”.

Salvini, “per insulti che mi fa Conte bastava Saviano o Renzi”

“E’ una novita’ di oggi, mi dispiace che il presidente del Consiglio mi abbia dovuto mal sopportare per un anno”. L’ha detto il vicepremier Matteo Salvini nel suo intervento in Aula, al Senato, replicando al premier Conte ed elencando alcuni aggettivi con cui il presidente del Consiglio l’ha definito: “pericoloso, autoritario, preoccupante, inefficace, incosciente”. E ha concluso: “Bastava Saviano per raccogliere tutti questi insulti, un Travaglio, un Renzi, non il presidente del Consiglio”.

Salvini, “Italia che ho in testa non cresce di zero virgola”

“Poi racconto l’Italia che abbiamo in testa e nel cuore, che non cresce dello zero vergola, che ha una giustizia quella vera, dove ci sono 60 milioni di presunti innocenti fino a prova contraria”. Lo ha detto Matteo Salvini al Senato GRS

Salvini, “non voglio Italia schiava di nessuno”

“La libertà non consiste nell’avere il padrone giusto ma nel non avere nessun padrone”. Lo ha detto Matteo Salvini citando Cicerone. “Non voglio una Italia schiava di nessuno, non voglio catene, non la catena lunga. Siamo il Paese più bello e potenzialmente più ricco del mondo e sono stufo che ogni decisione debba dipendere dalla firma di qualche funzionario eruopeo, siamo o non siamo liberi?”. Lo ha detto Matteo Salvini al Senato.

Salvini, “si vota anche a settembre, non parlateci di Iva…”

“Si vota anche a settembre, non veniteci a parlare di aumento Iva, di spread, di esercizio provvisorio, di recessione… “. Lo afferma il vicepremier, Matteo Salvini, intervenendo nell’Aula del Senato

Salvini, “governo finito per colpa di tanti ‘signor no'”

“Se questo governo s’e’ interrotto e’ perche’ in Parlamento, in Commissione, al governo c’erano tanti signor No”. Lo afferma il vicepremier, Matteo Salvini, intervenendo nell’Aula del Senato.

Salvini, “avevo raccolto sfida M5S su taglio parlamentari”

“Ho raccolto la settimana scorsa in questa Aula la sfida dei 5 stelle…”. Lo ha detto Matteo Salvini, in Aula al Senato, riferendosi al taglio dei parlamentari. Salvini non ha terminato pero’ il discorso, perche’ e’ stato interrotto

Salvini, “chiederò finche’ campo protezione di Maria”

“Gli italiani non votano in base a un rosario, ma con la testa e con il cuore. La protezione del cuore immacolato di Maria per l’Italia la chiedo finche’ campo, non me ne vergogno, anzi sono ultimo e umile testimone”. Lo afferma il vicepremier, Matteo Salvini, intervenendo nell’Aula del Senato.

Salvini, “siamo unici presunti fascisti che vogliono voto”

“Siamo gli unici presunti fascisti che vogliono il voto, pensa che dittatura vorremmo avere? Quella del voto… “. Lo afferma il vicepremier, Matteo Salvini, intervenendo nell’Aula del Senato. 

Salvini fa citazione latina “‘Omnia vincit amor’,io bersaglio”

“Omnia vincit amor”, l’amore vince sempre”. Cosi’ Matteo Salvini cita una frase di Publio Virginio Marone nel suo intervento in Aula al Senato. “Avete scelto il bersaglio, eccomi pronto a sacrificarmi, non c’e’ problema – ha continuato rivolgendosi alle opposizioni – il mio Paese vale piu’ di mille poltrone, non ho paura e non hanno paura gli uomini e le donne della Lega”. 

Salvini a M5s, “buon lavoro con il partito di Bibbiano”

 I ministri della Lega sono “gente libera che risponde solo e soltanto alla popolo italiano, non alla Merkel o a Macron” gente che ha “una idea di famiglia e di figli, che hanno una mamma e un papa’, e buon lavoro con il partito di Bibbiano”. Lo ha detto Matteo Salvini in Senato.

Articoli correlati

Post sessista di un consigliere Lega contro Emma: “Faresti bene ad aprire…”

Redazione StudioLive24

Suppletive Senato Campania: Ruotolo aderirà al gruppo misto

Redazione StudioLive24

Europee: Salvini, “Primo partito in Italia, grazie”

Redazione StudioLive24

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy