Primo piano

Camorra: operazione “alleanza Secondigliano”, le donne avevano un ruolo fondamentale

Nell’Alleanza di Secondigliano, cartello criminale composto dai clan camorristici Licciardi, Contini e Mallardo, le donne avevano “un ruolo fondamentale, non vicario ma di assoluta rilevanza”. Lo ha spiegato il procuratore della Repubblica di Napoli, Giovanni Melillo, illustrando i particolari dell’operazione che ha portato all’esecuzione di 126 misure cautelari nei confronti di altrettanti esponenti dei tre clan.

Le donne del clan “avevano un ruolo rilevante sia per i collegamenti con il sistema penitenziario, ma anche come capacità di assumere decisioni e di pretenderne il rispetto”. Il procuratore ha fatto particolare riferimento alle tre sorelle Anna, Maria e Rita Aieta, mogli di Francesco Mallardo, Edoardo Contini e Patrizio Bosti, e al ruolo di Maria Licciardi, sorella di Vincenzo Licciardi, destinataria dell’ordinanza, che si è resa irreperibile ed è ricercata.

È l’unica dei presunti reggenti dell’Alleanza di Secondigliano che si è sottratta agli arresti. Maria Licciardi, la presunta madrina della camorra napoletana che ha scontato nel decennio scorso una lunga pena detentiva al 41 bis.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy