Primo piano

Legato albero e picchiato per falso profilo Instagram

Dopo le botte, calci, pugni e colpi alla tempia con il calcio della pistola, i tre danno deciso di sottrargli il cellulare, le chiavi della vettura e di liberarlo, minacciando di essere pronti a legarlo con la corda alla macchina e a trascinarlo per il paese qualora si fosse rivolto ai carabinieri per denunciare l’accaduto. Il giovane, appena libero dalla morsa degli aggressori, ha chiesto aiuto e si e’ fatto accompagnare in ospedale ad Aversa.
La vittima, aggredita poiche’ ritenuta dai tre responsabile di aver attivato il falso profilo Instagram, avrebbe cercato di spiegare ripetutamente e di dimostrare di non essere il gestore del social taroccato.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy