Attualità Primo piano

Noemi: nonno, “migliora, non vuole più andare in piazza a comprare le patatine”

“Le abbiamo detto che è in ospedale perché è caduta”

 

Migliorano le condizioni della piccola Noemi, colpita da un proiettile, lo scorso 3 maggio, in piazza Nazionale, a NAPOLI, nel corso di un agguato. “Noemi sta molto meglio – racconta la nonna, Immacolata Molino – ha davanti a se’ un percorso lungo, però  è comunque fuori pericolo. Ora indossa un busto non si sa ancora quando uscirà dall’ospedale”. Noemi “inizia a parlare, facciamo molti giochi insieme, le cose normali di una giornata, come se stessimo a casa” e inizia anche a mangiare da sola. Non sa ancora, la piccola, il perchè si trovi in ospedale. “Le abbiamo detto che è caduta – dice la nonna – servirà un percorso anche psicologico”.

Nè chiede qualcosa su quanto accaduto, anche se, come fa sapere il nonno, Alessandro, la piccola “non vuole più andare a comprare le patatine in piazza Nazionale”. “Mi ha detto proprio così – afferma – quindi qualcosa lo ricorda”. Nonna Immacolata, invece, che quel 3 maggio era in piazza con la piccola e la madre, è tornata “nello stesso bar”. “Ho portato mia moglie nello stesso bar dell’agguato”, racconta nonno Alessandro. Andare via da NAPOLI? “No, devono essere loro, i ‘cattivi’ a lasciare NAPOLI, non noi”, risponde.
In ospedale, al Santobono, si è recato anche il barista che, per primo, ha soccorso Noemi. “Non l’ha incontrata – prosegue nonna Immacolata – ma ha parlato con la mamma ed e’ stato contento. Quando Noemi uscirà dall’ospedale e stara’ bene, si incontreranno”.

Di quella giornata, quando la bimba, assieme alla nonna e alla mamma, si ritrovo’ coinvolta in un agguato, “ricordo tutto”, fa sapere la signora Molino che era li’: “Ricordo tutta la sofferenza”. E’ stato, pero’, “bellissimo” vedere “la gente che si e’ stretta attorno a noi”. Una mobilitazione che “ci ha dato una carica esagerata”. L’avvocato della famiglia, Angelo Pisani, ha ribadito che “anche il gip ha confermato i provvedimenti dei colleghi di Siena e di Nola e i presunti colpevoli ad oggi sono in galera”. “Gli inquirenti lavorano giorno e notte per inchiodare alle loro responsabilità tutti gli autori di questo tragico evento – conclude – Dobbiamo aspettare e guardare a un mondo dove la giustizia sia a 360 gradi, in cui la famiglia di Noemi potrà impegnarsi per difendersi anche gli altri bambini”.

Articoli correlati

X Factor, trionfa Anastasio: le parole battono il bel canto

Redazione StudioLive24

Noemi grave, attesi analisi e Tac

Redazione StudioLive24

Napoli, cardinale Sepe: “Porterò Noemi dal Papa”.

Redazione StudioLive24

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy