Attualità Primo piano

No alla castrazione chimica, ma la maggioranza si divide. 

La Camera boccia l’ordine del giorno di Fdi al disegno di legge ‘Codice rosso’ contro la violenza sulle donne, che impegnava il governo ad introdurre la castrazione chimica come possibilità subordinata alla concessione della sospensione condizionale della pena in caso di condanna per reati sessuali. Lega e M5s si sono divise nel voto: il Carroccio ha votato con la Lega, i 5Stelle con Fi e Pd. Una circostanza che ‘sconcerta’ la Lega.

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy