Image default
Primo piano

Picchia la ex e cerca di ingannare carabinieri: arrestato 28enne

Picchia la ex e poi chiama il 112 dicendo di essere stato aggredito, ma non era vero. I carabinieri di Napoli hanno arrestato un 28enne recidivo. L’uomo, di vico Spicoli, già condannato per maltrattamenti in famiglia nel 2016, ha un bambino con la ex compagna 27enne. E proprio sull’affido del piccolo, secondo gli inquirenti, sono scoppiate continue liti. Ieri l’ennesima. I due erano in piazza del Carmine e lui ha picchiato la ragazza a calci e pugni, tanto che i medici del ‘Loreto Nuovo’ hanno riscontrato alla vittima lesioni guaribili in 30 giorni. I carabinieri del Radiomobile sono intervenuti, perché era stato proprio il 28enne a chiamare il 112 dicendo che i familiari della ex lo avevano aggredito.
Sul posto, però, i militari hanno accertato che aveva aggredito la ex e poi aveva avuto una discussione senza botte con i parenti di lei.
Il 28enne è stato arrestato per lesioni personali e, durante il rito direttissimo, il giudice ha convalidato il suo arresto applicando la misura cautelare del divieto di dimora a Napoli in attesa del processo.

Related posts

Coronavirus, Kluge (Oms): “In Italia un mistero i contagi”

Redazione StudioLive24

Ucraina contro Toto Cutugno: “È un agente”

Redazione StudioLive24

Salvini: ho visto Di Maio, “governo va avanti serenamente”

Redazione StudioLive24

Leave a Comment