Primo piano

Denunciò i mafiosi ma lo Stato lo punisce: imprenditore si suicida a Gela

Morto suicida  l’imprenditore Rocco Greco di 57 anni di Gela (Caltanissetta) che aveva denunciato i boss mafiosi. L’uomo, a sua volta venne accusato di avere rapporti con i boss. Ma il Tribunale lo aveva assolto. Una sentenza che però non è bastata per impedire alla Prefettura di prevedere l’interdittiva per la sua azienda. Un provvedimento che gli aveva fatto perdere tutti gli appalti.  Ieri la decisione di farla finita. Si è ucciso con un colpo di pistola nella sua azienda, la Cosiam, di via Butera e Gela. Soccorso è stato trasportato all’ospedale “Vittorio Emanuele” dove è morto.  “Denunciare i boss del pizzo mi è costato caro”, continuava a ripetere ai familiari. Sul  suicidio indagano i carabinieri  e la polizia.

Articoli correlati

Capitano Ultimo, scorta revocata. E lui su Twitter: “La mafia non c’è più…”

Redazione StudioLive24

TV: Amazon annuncia la prima serie italiana

Redazione StudioLive24

La “Mafia a tavola”, dalla mozzarella con la soda al “lifting” del pesce

Redazione StudioLive24

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy