Primo piano

Camorra: scommesse “a debito”, ecco nuovo pizzo del clan

Scommettevano sulle partite di calcio, puntando anche 500-600 euro, ma senza pagare il centro scommesse al quale si rivolgevano. In quest’ultimo caso, inoltre, pretendevano la somma vinta ma senza mai corrispondere la somma “giocata”. la nuova frontiera delle estorsioni che i carabinieri del comando provinciale di Napoli, coordinati dal procuratore di Napoli Giovanni Melillo, hanno scoperto nel corso delle indagini che oggi hanno consentito di sgominare il clan Sequino del Rione Sanità di Napoli. Complessivamente i militari dell’Arma hanno eseguito trenta misure cautelari.

Articoli correlati

Choc a Napoli, spari in ospedale

Redazione StudioLive24

Napoli, ritiro a Dimaro estate 2019: date ufficiali e durata

Redazione StudioLive24

Colpi pistola contro pizzeria storica di Napoli

Redazione StudioLive24

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy