Moda

Moda: tessitura italiana vale 7,8 mld, tiene 2018

La tessitura Made in Italy archivia il 2018 con fatturato complessivo di 7,86 miliardi di euro, con un calo dello 0,3% dovuto al rallentamento della produzione registrato nel secondo semestre dell’anno scorso. Lo dicono le stime elaborate dal Centro Studi di Confindustria Moda, diffuse in occasione dell’inaugurazione della 28/a edizione di Milano Unica, la rassegna del settore a Rho-Milano Fiera, dedicata questo anno alla sostenibilità.

Il rallentamento non ha avuto una ripercussione di rilievo sull’occupazione del comparto. Secondo l’Indagine condotta su un gruppo di aziende associate a Smi, infatti, si registra un moderato aumento degli addetti per il comparto laniero.
L’attivo commerciale del comparto cresce significativamente (+5,5%) assestandosi sui 2,45 miliardi di euro, grazie al calo delle importazioni (-5,9%), e al leggeremo aumento delle esportazioni (+0,3%). Si rafforza l’export verso il primo mercato di sbocco, la Cina (+3%), nonostante il rallentamento della economia del paese asiatico, mentre la Germania (-2,1%), resta saldamente al secondo posto come mercato di sbocco dei tessuti Made in Italy.

Articoli correlati

Settimana della moda, a Milano coinvolte 25mila imprese

Redazione StudioLive24

Richemont: utile balza del 128% a 2,7 mld con spinta Ynap

Redazione StudioLive24

Made in Italy: da Catania a Londra per far conoscere i sapori della Sicilia

Redazione StudioLive24

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy