Primo piano

Serie A, perla Milik e Napoli vola: Cagliari si arrende nel recupero

Dopo 90 minuti di sofferenza ci vuole una perla su punizione di Arek Milik al Napoli per espugnare la Sardegna Arena e battere il Cagliari per 1-0, risultato che permette agli azzurri di volare a quota 38 punti e riportarsi così a -8 dalla Juventus capolista e tenere contemporaneamente a distanza di sicurezza l’Inter, ferma a 32 punti e a -6 dagli azzurri.

OSPINA SALVA – Ancelotti rivoluziona l’undici titolare rispetto alla disfatta di Anfield e lascia in panchina i vari Albiol, Hamsik, Callejon e soprattutto il tandem Insigne-Mertens, lanciando Fabian e Zielinski a fare da raccordo tra il centrocampo e l’unica punta Arek Milik. La partita è molto equilibrata sin dai primi minuti col Napoli in possesso del pallino del gioco ma senza pungere i sardi, che infatti al minuto 11 approfittano di un errore di Ounas in fase d’impostazione e si lanciano in contropiede con Farias, Maksimovic prova a contrastarlo ma la palla arriva comunque sui piedi di Faragò che calcia da posizione defilata trovando però l’ottima risposta di Ospina. E il portiere colombiano è protagonista anche dell’altra azione da gol del primo tempo, un destro di Farias a colpo sicuro salvato miracolosamente proprio da Ospina, azione comunque viziata da evidente fuorigioco del brasiliano e prima frazione che termina così in perfetta parità col risultato di 0-0.

PERLA DI AREK – Nella ripresa il Napoli entra in campo con tutto un altro spirito trascinato soprattutto dalle giocate di Fabian, vicino al gol in ben tre occasioni: la prima al 47′ con una gran giocata dello spagnolo che supera un avversario con un tunnel e crossa al centro, ma trova la deviazione provvidenziale di Romagna; un minuto dopo è lo stesso Fabian che conclude di poco a lato dopo un cross di Malcuit e infine al 50′ è ancora l’ex Betis a servire un assist a Milik, che calcia però a lato da buona posizione. La squadra di Ancelotti ora attacca con convinzione e sfiora ancora il vantaggio prima con Zielinski (tiro deviato), poi con Ghoulam (corner che per poco non sorprende Cragno) e fine con Arek Milik che ci prova prima con una conclusione di sinistro, respinta bene da Cragno, e poi al 66′ con un colpo di testa che dà l’illusione del gol, ma la palla batte prima sulla traversa e poi sulla riga di porta, perdendosi sul fondo. Passano i minuti e allora Ancelotti decide di mandare in campo tutto il tridente titolare dello scorso anno con Mertens, Insigne e Callejon al posto rispettivamente di Diawara, Ounas e Malcuit, mossa che alla fine dà i risultati sperati per agli azzurri che passano al minuto 91′: punizione al limite dell’area guadagnata proprio da Mertens, alla battuta va Arek Milik che disegna una splendida parabola col sinistro che scavalca la barriera e buca Cragno per l’1-0 che dura fino al fischio di Doveri dopo ben 7 minuti di recupero.

Articoli correlati

Camorra: latitante da 15 anni, arrestato capo clan

Redazione StudioLive24

Camorra, arrestato boss Marco Di Lauro: era latitante dal 2005

Napoli, Ancelotti: “Juve grandi meriti, ma siamo più vicini”

Redazione StudioLive24

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy